L'albero della Poesia



Ogni sera appendo sull'albero della Poesia parole, immagini e pensieri che la mia anima raccoglie durante il giorno … Ricordi, gioie, preoccupazioni, dolori, sogni,paure, emozioni, rabbie e tenere ispirazioni. Poi torno a casa, e nel silenzio, gusto la gioia di esistere nel vuoto della mente sgombra, percorrendo nuovi sentieri del mio essere. L'indomani il mio albero ha messo nuove foglie. Quelle verdi profumano di speranze appena nate, quelle gialle hanno il colore delle illusioni che stanno svanendo. Lo guardo con riconoscenza, e quasi mi pare avvertire il suo riso che sa di materno. Frugo tra i rami in cerca del mio fardello che lo spirito dell’albero accoglie ogni sera con benevolenza e trovo le gioie raddoppiate, le paure evaporate in gocce di rugiada, i pensieri che durante il giorno sono arruffati come i miei capelli, in bella vista e perfetto ordine appesi al ramo della riflessione … Ecco ho trovato anche un tenero germoglio, stanchezza, tramutata in forza, con orgoglio. E nella fioritura trovo petali d’ispirazione che si librano nell’aria sfiorando piano i luoghi e le persone …. Ogni tanto colgo una primizia che ha il gusto dolce di un ricordo lontano … la rabbia ha dato i suoi frutti rilasciando nella resina gocce di pace per gli uomini tutti. E i dolori? … Non li trovo più! Come per magia son svaniti tra le foglie e la poesia...

Valentina Meloni





  L'immagine in alto è stata rielaborata (con la sovrapposizione del mio volto) da una fotografia di Silvio Sorcini che ritrae la quercia di Nottoria (Perugia-Norcia-Umbria) una roverella (Quercus pubescens Willd). 


MyFreeCopyright.com Registered & Protected

 Chiunque voglia prelevare una mia poesia a scopi letterari e didattici e non di lucro può chiedere il mio consenso scrivendo alla e-mail
va.lentina76@live.it
non avrò difficoltà a consentirne l’uso con la mia firma che ne riconosce l’originalità.  Per quanto riguarda il materiale fotografico e le immagini eventualmente prelevate da Internet, se è stato violato qualche diritto di copyright, sarà immediatamente rimosso, dietro segnalazione alla sottoscritta.
 Questo blog è dedicato alle mie poesie , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. 
 La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione.
Licenza Creative Commons
Dal 2000, in base alla legge 248: “tutti i testi che vengono pubblicati in internet sono automaticamente protetti dal diritto d’autore”. L’art. 6 della legge 633/41 stabilisce che ogni opera appartiene, moralmente ed economicamente, a chi l’ha creata. Pertanto è illegale (legge 22 aprile 1941, N° 633- legge 18 agosto 2000, N° 248) copiare, riprodurre (anche in altri formati o supporti diversi), pubblicare parte di essi, se non dietro esplicita autorizzazione. La violazione di tali norme comporta sanzioni anche penali. L’autrice, Valentina Meloni , intende avvalersi di tale legge per eventuali furti di poesie, racconti o stralci di essi, pubblicati in questo blog. Si tiene a precisare che il copyright di ogni scritto attribuito all'autrice è registrato e protetto in una banca dati apposita. Si possono condividere le poesie su siti o blog con link di riferimento e poi attribuendo la paternità dell'opera. Vietato, senza autorizzazione scritta, usare lo stesso materiale per fini commerciali, né alterarlo o trasformarlo per crearne altro.

Valentina Meloni