lunedì 31 luglio 2017

Tu non sai (Alda Merini)


Tu non sai: ci sono betulle che di notte
levano le loro radici,
e tu non crederesti mai
che di notte gli alberi camminano
o diventano sogni.
Pensa che in un albero c’è un violino d’amore.
Pensa che un albero cade e ride.
Pensa che un albero sta in un crepaccio
e poi diventa vita.

Te l’ho già detto: i poeti non si redimono,
vanno
lasciati volare tra gli alberi
come usignoli pronti a morire.

lunedì 24 luglio 2017

Il biancospino (Umberto Saba)



Di marzo per la via
della fontana
la siepe s'è svegliata
tutta bianca,
ma non è neve,
quella: è biancospino
tremulo ai primi
soffi del mattino


lunedì 17 luglio 2017

Le poesie sull'albero più lette del 2016


Bejan Matur

Qui trovate le dodici poesie più lette del blog per l'anno 2016. Per leggere la poesia cliccate sul titolo. Naturalmente questa è una statistica numerica che può cambiare moltissimo a seconda di alcune variabili come il giorno della pubblicazione, l'immagine abbinata alla poesia, l'indicizzazione il numero delle condivisioni etc...
Prendete questa statistica come un piccolo indicatore di gusti e per andare a rileggere qualche poesia.
Ho tenuto in considerazione solo le poesie che hanno ricevuto non meno di 600 letture.
In testa alla classifica Bejan Matur, la poetessa curda che racconta i combattenti del Pkk. Il suo libro Guardare dietro la montagna è edito da Poiesis ed è uscito nel 2016. “Oltre le montagne” ha avuto 14 ristampe in Turchia, con decine di migliaia di copie vendute

“Da bambina - ricorda -  non potevo nemmeno scrivere o studiare la mia lingua madre (totalmente diversa da quella turca n.d.r.). Ancora oggi, quando chiamano il mio nome in aeroporto, lo scambiano per straniero, da uomo. Parlo curdo con mia madre”.

Il nostro saluto a Bejan Matur con la bellissima poesia Ogni donna conosce il proprio albero.

Buona lettura e Buone vacanze


POESIA                                                        AUTORE                            LETTURE



Ogni donna conosce il proprio albero     (Bejan Matur)                         1315

L'ombra della magnolia                           (Eugenio Montale)                 1136

Per noi                                                        (Beatrice Niccolai)                   989

Sotto l'albero antico                                  (Akiko Yosano)                        914

Agave                                                          (Primo Levi)                             844

[di cosa altro dire 'mi spiace' ]                 (Stefania Di Lino)                    768

Neve nel bosco                                           (Valentina Meloni)                    695

Versicoli quasi ecologici                            (Giorgio Caproni)                     686

Nel mio giardino                                        (Rachel Bluwstein)                   664

Betulle                                                        (Robert Frost )                           624

Un tempo gli alberi avevano occhi          (Ana Blandiana)                         613

La mia casa è il pianeta Terra                 (Márcia Theóphilo)                    600

lunedì 10 luglio 2017

Madre Terra: Le Sue Balene (Gary Snyder)




Un gufo strizza l’occhio nell’ombra
Una lucertola si alza sulle zampe, la gola palpitante
Un giovane passero allunga il collo,
testa grossa, osserva –

Le erbe al lavoro sotto il sole. Fate che sia verde.
Fate che sia dolce. Perché possiamo mangiare.
Crescere la nostra carne.

Il Brasile dice “utilizzo esclusivo delle Risorse Naturali”
Trentamila specie di piante sconosciute.
Il popolo vivo e vero della giungla
venduto e torturato –
E un robot incravattato che smercia un’illusione chiamata “Brasile”
può parlare per loro?

Le balene si girano lucenti, si immergono
si lasciano andare e riemergono,
Sospese sopra profondità indefinite sempre più scure
Fluenti come pianeti che respirano
in vortici brillanti di
luce viva –

E il Giappone lì a cavillare su
quali specie di balene è lecito ammazzare?
Una nazione dal luminoso passato Buddhista
lì a sbrodolare metilmercurio
come gonorrea
in mare.

Il Cervo di Père David, l’Elaphure,
Viveva nei giuncheti fangosi del Fiume Giallo
Duemila anni fa – e fu sfrattato dal riso –
Le foreste di Lo-yang tagliate, limo e
Sabbia fluiti a valle, tutto già sparito, dal 1200 d.C. –
Le Oche Selvatiche nate in Siberia
vanno a sud sorvolando il bacino dello Yang, dello Huang,
quella che chiamano “Cina”
Su rotte usate da un milione di anni.
Oh Cina, dove sono le tigri, i cinghiali,
le scimmie,
come le nevi d’altri tempi
Spariti nella nebbia, in un lampo, e la terra secca e dura
Fa da parcheggio a cinquantamila camion.
È l’uomo la più preziosa fra tutte le cose?
– e allora amiamolo, con i suoi fratelli, tutti quegli
Esseri viventi che scompaiono –

Nord America, Isola della Tartaruga, conquistata da invasori
guerrafondai del mondo.
Che insorgano formiche, abaloni, lontre, lupi e cervi!
E tolgano i loro doni
alle nazioni robot.

Solidarietà. Il popolo.
Il Popolo Ritto degli Alberi!
Il Popolo che Vola degli Uccelli!
Il Popolo che Nuota del Mare!
Il popolo a quattro gambe, a due gambe!

Come possono scienza-politici mangia-potere teste-di-piombo
Governo due-mondi Capitalista-Imperialista
Terzo-mondo Comunista maschio ammucchia-carte
Non-contadino jet-set burocrati
Parlare per il verde della foglia? Parlare per la terra?

(Ah Margaret Mead… sogni qualche volta Samoa?)

I robot discutono su come lottizzare nostra Madre Terra
Farla durare un po’ più a lungo
come avvoltoi che starnazzano
Ruttando, gorgogliando,
vicino a una Daina morente.
“Laggiù nel prato giace un cavaliere ucciso –
Voliamo su di lui e mangiamo i suoi occhi
trallallero trallallà.”

Un gufo strizza l’occhio nell’ombra
Una lucertola si alza sulle zampe
la gola palpitante
Le balene si girano lucenti
si immergono
Si lasciano andare e riemergono
Fluenti come pianeti che respirano

In vortici brillanti

Di luce viva.

(Stoccolma: Solstizio d’Estate 40072)

*****

(tratto da The Gary Snyder Reader © Gary Snyder 1999,Traduzioni: Etain Addey, Elena Avanzini, Maurizio Castellucci, Alessandro Curti, Jacqueline Fassero, Giuseppe Moretti, Stefano Panzarasa)