giovedì 28 luglio 2016

Tiglio fiorito



n a n i t a 


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 25 luglio 2016

Agave (Primo Levi)


Illustrazione Catrin Welz Stein
Non sono utile né bella,
non ho colori lieti né profumi;
le mie radici rodono il cemento,
e le mie foglie, marginate di spine,
mi fanno guardia, acute come spade.
Sono muta. Parlo solo il mio linguaggio di pianta,
difficile a capire per te uomo.
È un linguaggio desueto,
esotico, poiché vengo di lontano,
da un paese crudele
pieno di vento, veleni e vulcani.
Ho aspettato molti anni prima di esprimere
Questo mio fiore altissimo e disperato,
brutto, legnoso, rigido, ma teso al cielo.
E’ il nostro modo di gridare che
Morrò domani. Mi hai capito adesso?


(10 settembre 1983 da “Ad ora incerta”, Garzanti, 1984)

 Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

giovedì 21 luglio 2016

Sorridere al vento



meraviglioso
sorridere al vento-
i fiori volano

[n a n i t a ]


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 18 luglio 2016

Oceano vegetale (Toio De Savorgnani)



Ti sei mai seduto, in silenzio, sull’erba del prato ad ascoltare l’arrivo del vento del bosco? Dei rami che si muovono ai refoli non si dice forse che ondeggiano? E quel rumore che odi non è suono di onde?

Andar cercando in segrete ore
i nascosti perché viventi,
risacca di fronde d’abeti
s’infrange, vegetale oceano,
sulle rive dell’erba.
Che si raccontano i rami toccandosi?
In che spera la verde coscienza?

(da “Canti della foresta e autunni”, in “Orientamenti e altri ritorni”, Katmandu - Nepal,1993, dedicato a Martino Tashi) da Poesia selvatica

venerdì 15 luglio 2016

In uscita "Le regole del controdolore"


LINK ACQUISTO DIRETTO

E' finalmente uscita la mia ultima raccolta di poesie che ho illustrato personalmente. In copertina una tempera all’acqua dal titolo “Sorgente”. All’interno unidici illustrazioni e ottantaquattro poesie per bambini da 0 a 99 anni.

“Questa è una poesia fatta di versi piccolissimi che non desiderano arrendersi al dolore” recita la quarta di copertina. Per chi volesse saperne di più può visitare la pagina fb o leggere la scheda libro,. Il volume è acquistabile in libreria o direttamente presso lo store acquisti dell’editore anche in formato e-book senza tasse aggiuntive nè spese di spedizione.

Vi aspetto !



giovedì 14 luglio 2016

Danza di baci


Stampa erotica giapponese ( shunga) esposta al British Museum di Londra in occasione della mostra “Shunga – Sex and pleasure in Japanese art”
n a n i t a


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 11 luglio 2016

Gli alberi hanno cent'occhi (Silvana Sonno)



Gli alberi hanno cent'occhi.
Intorno al tronco tondo
cento pupille osservano
e dispensano occhiate,
quando ammicchi soavi
quando fosche sbirciate;
a volte paiono incuranti 
ma pronta invece è la verde
vigilanza e sempre, sempre 
puoi scambiare sguardi con loro
d'intesa o di raro rimbrotto.
Nel mio giardino d'infanzia
avevo un abete potente
e i suoi cent'occhi teneva
spalancati, e ogni volta avvertivo 
tra i rami quello sguardo
e a volte un imbarazzo mi coglieva 
a sentirmi osservata
con tale acuta e occhiuta intimità;
ma pur quello sguardo l'amavo
e quando ho lasciato la casa 
e in quel giardino sono scivolata
tra le aiuole per l'ultimo saluto 
so d'aver visto una stilla scorrere 
sul legno, una bollicina vischiosa 
e profumata - così piangono gli alberi - 
e una fronda s'è mossa, e un fremito 
ha esalato un dolente commiato, nell'aria
ferma dell'ultimo tramonto settembrino.



Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

giovedì 7 luglio 2016

Esodo


Gyoshu Hayami ( 1894 – 1935)
n a n i t a 


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.

lunedì 4 luglio 2016

Parole (Ashraf Fayadh)

Ashraf Fayadh


La vecchia porta applaude il vento
per il suo spettacolo di danza con la compagnia degli alberi
La vecchia porta non ha mani
gli alberi non sono a servizio dell’accademia di ballo
e il vento è un essere invisibile
se non danza con gli alberi.

(Le istruzioni sono all'interno, Dal al- Farabi, Beirut, 2007- traduzione dall'arabo a cura di Silvia Moresi) da osservatorioiraq

 ______________________________________________________________________

Logic

The old door applauds the wind by clapping
for the dance it has performed, accompanied by the trees.
The old door doesn’t have hands
and the trees haven’t been to dancing school.
And the wind is an invisible creature,
even when it’s dancing with the trees.

(poem from "Instructions Within", 2008  translated by Jonathan Wright) from  Arabic Literature