lunedì 24 ottobre 2016

Mattino (Antonia Pozzi)

"Cipresso" opera di Emilio Morini 
A lungo dalla luna infranto
or ricompone il lago
la sua incolumità
cerulea.
Presso l'isola inferma un cipresso
trae dalle nebbie le bende
per le ferite nascoste:
tacito prega, votando
il nuovo giorno - al cielo.

(1° ottobre 1933 tratta da: Antonia Pozzi: Parole - Tutte le poesie )