martedì 23 settembre 2014

Ophelia


foto: Resurrecting Ophelia, by Kalliope Amorphous

Ophelia guardava 
quei gigli nell'acqua e 

           -fragile lei-
li voleva sfiorare…

         Cadevano petali 
dagli occhi di pianto 

(e solo la Luna
         poteva ascoltare)

cadevano stelle 
dal cielo ormai spento,

                   di Ophelia
era il canto

il suo canto d'amore.
       Ophelia guardava

i suoi fiori nell'acqua
     e l'acqua i suoi fiori

voleva rubare…
                       Ophelia

-dal corpo di giunco-
dormiva…  Ophelia

            dei gigli 
rubasti il chiarore...


(Valentina Meloni)


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore. Poesia protetta dai diritti d'autore.