domenica 22 dicembre 2013

Quintessenza

 
Danza delle lune nere di Roberto Matarazzo


Tu ed io siamo stati
particelle infinitesimali
di una cellula d'amore
e abbiamo viaggiato
nello spazio tempo siderale
di un ricordo ancestrale…
Memoria d'acqua,
l’immutabilità non ci appartiene
e il tempo delle stelle si dissolve
nell'essenza di una forma,
nel pensiero creativo di un sogno
che sa percorrere le ere del multiverso.
Tu ed io siamo stati l'intreccio
della medesima coperta
che ha intessuto il cielo di stelle
colmando di pace l’anima inquieta dei sospiri
e l'altalenante bagliore delle maree.
Tu ed io abbiamo varcato la soglia del mistero
muti, con le iridi legate alla medesima visione.
Ci siamo scambiati le speranze e infine
ci siamo assopiti sul ricordo della fusione
di ciò che siamo stati, di ciò che siamo,
che saremo e non saremo più.
Tu ed io allacciati nella medesima entità,
smemorati d’esistere e perire, siamo nati,
morti e poi risorti senza accorgerci di nulla…
E, senza lasciarci mai le mani,
abbiamo abbracciato il mondo
nutrito i suoi confini di colori
e coltivato fiori d’eterea poesia.

(Valentina Meloni)

*La luna Nera o luna Nuova 
 La luna Nera o luna Nuova è la fase della luna in cui l’emisfero visibile risulta completamente in ombra. La luna nuova avviene quando il nostro satellite si allinea con la terra e il sole, per noi dalla terra è visibile solo il volto della luna non illuminato.In questa fase la Luna si congiunge al Sole, celebrando il matrimonio simbolico tra maschile e femminile, tra l'archetipo della notte (la sensibilità) e quello della luce (la vitalità). Sancisce, una sorta di nuovo inizio, propizio di volta in volta all'investimento in nuovi territori. Nella Luna nera, la luna proprio con il suo farsi ombra, permette il venire alla luce di ciò che nel plenilunio era in ombra. 

In questa poesia la parte alla luce e la parte in ombra si danno la mano fusi in un'unica entità d'amore, l'amore per noi stessi...La dualità viene alla luce e dà forma a un'entità creativa che attraversa le ere rigenerandosi nel mutamento continuo e costante...

Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.