lunedì 1 aprile 2013

Lacrime di neve



C'è una croce persino sull'abete...
Ogni albero in fondo è una piccola chiesa,
ci si ferma a pregare come e più
che in una cattedrale, ma si è più veri
nelle suppliche, sotto quei rami,
e anche nei ringraziamenti, perchè
non ci sono tetti a dividerci dal Cielo
nè immagini dipinte a sottrarci
alla vista di noi stessi. 
Specchiarsi nei cristalli... 
Cosa c'è di più sacro che bersi 
lacrime di gelo immacolato?
E se neppure il pianto della Terra
ci consola, col suo biancore, allora forse,
le nostre lacrime scioglieranno questa neve,
stanotte, come e più della Primavera.

(Valentina Meloni)

Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.