giovedì 28 giugno 2012

Se perdre dans Venise

dipinto di Andrès Rueda


Se perdre dans Venise

Venezia che scorre sulla mia pelle
come la gondola su pei canali
Venezia nascosta dentro alle calli
dietro le maschere dei carnevali.
Mi basta uno sguardo per incontrare
la storia, la vita, i colori e i suoi balli...
Venezia vestita di marmi e merletti
vezzosa seduce con sguardi e corsetti.
Persa nel sogno di questa visione
mi specchio nell'acqua che bacia i palazzi:
Venezia sparita dentro a un portone
sorprendon la vista i tuoi quadri e i tuoi arazzi.
Seppure il pennello dipinge le forme
  e la poesia delinea i contorni
nessun'arte descrive la gioia squisita
di perder la strada e il conto dei giorni ...

(Valentina Meloni)

Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.






sabato 9 giugno 2012

Notte di giugno




Apro la porta,

il dolce profumo dei gelsomini m’investe.

La quiete della sera

accompagna il pensiero.

La luna rischiara il cammino,

invisibili sogni salgono al cielo.

Nell’aria si mescolano aromi nuovi.

Non c’è spazio per la mente

il cuore piano si riempie

di quella lenta nostalgia

di silenzi, ricordi, ombre,

in questa notte di giugno

che porge alla terra il suo tepore.
(Valentina Meloni )


Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore.