martedì 20 settembre 2011

Betulla bianca



Betulla che canti i sogni del vento,
sposa di luce di bianco vestita,
Dea dell’Amore che spargi i tuoi semi
su terre sterili per donare la vita.
Hai in te la forza del grembo materno,
non temi il gelo del freddo Nord,
che muta l’umore delle tue foglie
da verde brillante al colore del sole.
Liscio il tuo tronco di strisce a diamante:
sembrano sorrisi di dea generosa!
Rispondi al richiamo di Madre Natura
con manto di foglie, velo di sposa,
come una stola che dondola all’aria,
chioma leggiadra che mai trova posa.
Ora il tuo canto è una marcia nuziale,
or pare un dolce flautato lamento
che porta nuovi riflessi viola
sopra il tuo ramo coperto di cera.
Dal suo mutare distinguo l’arrivo
dell’imminente solstizio d’inverno,
ed anche la vita che nasce nel cerchio
della tua aulica dolce atmosfera.
Al ritmo di Venere muovi i tuoi passi,
e il tuo ramo germoglia contento.
Vestale dei boschi,nutrice di vita
che estingui la sete del nostro cammino,
Madre divina, Frigga, Demetra
tieni nel grembo la nostra radice,
spiana la strada da aguzzi sassi
ridona lo spirito al nostro bambino!

di Meloni Valentina

Pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633 e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione scritta dell'Autore.Poesia protetta dai diritti d'autore in
MyFreeCopyright.com Registered & Protected